Posts Taggati ‘rigonfiamento’

Resine espandenti: nuova pubblicazione di Uretek

Scritto da admin on . Postato in Resine espandenti

Interamente dedicato al “Trattamento di terreni sensibili al fenomeno di ritiro/rigonfiamento con il metodo Uretek Deep Injections”,

questo interessante approfondimento è il risultato di due studi realizzati in Australia e in Italia. Gli autori dimostrano che le iniezioni di resine espandenti Uretek non si limitano al consolidamento del terreno, ma modificano anche il comportamento idraulico dei terreni sensibili al fenomeno di essiccamento e re-idratazione.

La pubblicazione completa è disponibile a richiesta.

Pubblicazione periodica pubblicitaria ed
informativa sul Mondo URETEK.
Copia Gratuita.

Argilla e fessurazioni: il fenomeno del ritiro e rigonfiamento

Scritto da admin on . Postato in Consolidamento terreni

Prevenzione e mitigazione dei danni alle abitazioni.

Speciale


C’è un fenomeno che genera ogni anno milioni di euro di danni su edifici e costruzioni.
Si tratta del fenomeno naturale del ritiro e rigonfiamento delle argille.
Sugli edifici si manifesta spesso attraverso fessurazioni della struttura.

Studi e ricerche condotti fino ad oggi offrono la possibilità di conoscere le tecniche per ridurre i danni di questo fenomeno e ottenere le informazioni che permettono di limitarlo e controllarlo.

Ma procediamo per passi. La prima cosa da conoscere è perché i terreni si rigonfiano e diminuiscono di volume.
Sebbene esistano numerosi tipi di argilla, si può dire, in generale, che il materiale argilloso presenta la particolarità di modificare la propria consistenza in funzione della percentuale d’acqua che contiene: duro e fragile quando è secco, plastico e malleabile in presenza di umidità.
Queste variazioni possono essere accompagnate da forti aumenti di volume del terreno (rigonfiamento) all’aumentare della percentuale d’acqua oppure da una consistente contrazione (ritiro) in caso di siccità.

Lo stato idrico di un terreno può essere stabilito in base a tre tipi d’acqua che esso contiene.
All’acqua di costituzione, parte integrante della struttura molecolare dei grani costituenti il terreno, si aggiungono l’acqua assorbita e l’acqua interstiziale.
L’acqua assorbita è quella che ricopre il grano del terreno come una pellicola viscosa, per effetto di attrazione.
L’acqua interstiziale è quella che circola liberamente nei vuoti tra i grani del terreno.
Il terreno si dice “saturo” quando questi interstizi sono completamente riempiti.
A rapporti diversi tra questi tipi d’acqua, corrisponde un comportamento diverso del terreno.
Maggiore è la quantità d’acqua assorbita contenuta in un terreno, più esso è suscettibile al ritiro.