Posts Taggati ‘geoaction 5’

Un intervento nel cuore di Roma: i Fori Imperiali

Scritto da admin on . Postato in Consolidamento edifici storici, Consolidamento strutturale, Crepe nei muri, News

Basilica SS. Cosma e Damiano – Roma

APPLICAZIONE COMBINATA DI DUE TECNOLOGIE: tecnologia Uretek Walls Restoring® per rinforzare la muratura ricostituendone l’integrità e riempiendo i vuoti in essa presenti e tecnologia Uretek Deep Injections® per il miglioramento delle caratteristiche meccaniche ed idrauliche del terreno di fondazione sottostante la muratura.

Consolidamento Strutturale

Restauro di un palazzo antico: Palatium Vetus ad Alessandria

Scritto da admin on . Postato in Consolidamento edifici storici, Consolidamento strutturale, Crepe nei muri, News

Palatium Vetus – XII secolo – Alessandria

Il caso di un restauro particolare, che ha richiesto la compattazione del terreno a vari livelli di profondità.

Scopri di più sul nostro metodo di lavoro e richiedi un sopralluogo gratuito, cliccando sul pulsante arancione

Consolidamento Edifici Storici Palatium Vetus

L’EDIFICIO

“Palatium Vetus” è il più antico palazzo storico della città di Alessandria. Il complesso immobiliare, edificato nel cuore della città intorno al 1170, è costituito da vari corpi di fabbrica annessi e da cortili interni.
Nei secoli, il palazzo ha subito diversi interventi di ristrutturazione e ampliamento che hanno modificato la configurazione della struttura e di conseguenza la storia tensionale del terreno sottostante.
Oggi la struttura si presenta costituita da un corpo unico, su due livelli fuori terra, con varie tipologie di fondazione.

Tutelare i beni culturali: intervista al direttore generale FAI

Scritto da admin on . Postato in News

Angelo Maramai, direttore generale del Fondo Ambiente Italiano, intervistato in esclusiva per Geoaction di Uretek

 

Direttore Generale FAI Angelo Maramai

Penso che tutti sappiano cos’è il FAI. Per coloro che ne hanno solo un’idea approssimativa, vuole riassumerci quali sono gli scopi dell’Associazione e le ragioni della sua fondazione?

Il FAI FONDO AMBIENTE ITALIANO, fondazione nazionale senza scopo di lucro, nasce quasi 40 anni fa, nel lontano 1975, grazie alla passione, all’entusiasmo e all’ambizione di “quattro grandi saggi”, visionari e concreti al tempo stesso: Giulia Maria Crespi, Renato Bazzoni, Alberto Predieri e Franco Russoli.
Sull’esempio del National Trust inglese, l’obiettivo dei fondatori era quello di contribuire fattivamente alla tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio d’arte, storia, natura del nostro Paese.
Da allora, ogni giorno, siamo impegnati a perseguire con fedeltà e determinazione la nostra missione, missione che nel tempo siamo andati declinando in tre grandi aree di intervento. Innanzitutto c’è l’attività di restauro e restituzione al pubblico di monumenti e luoghi di natura del nostro Paese, che ci vengono affidati per donazione da privati o in concessione da enti pubblici.